L’importanza del significato del lavoro durante la ricerca di opportunità.

Confucio diceva “se ami ciò che fai non avrai lavorato nemmeno un giorno della tua vita.”

Per tutti noi è importante trovare il significato del nostro lavoro, sia a livello interiore che rispetto al mondo esterno.

Quando intendo significato, intendo il senso della nostra attività rispetto alla nostra ragion d’essere, al nostro Purpose, alla nostra identità.

Questo paradigma vale da sempre per tutti, ma oggi c’è una consapevolezza ancora più marcata tra le giovani generazioni -Gen Y e Z-, che ricercano lavori ai quali identificarsi tramite  la corrispondenza dei propri valori.

Alcuni key facts trovati da alcune ricerche svolte da Deloitte ci dicono infatti che:

·     entro il 2025 si stima che il 75% dei la forza lavoro globale sarà rappresentata dai Millennials.

·     L’88% dei Talenti sono attirati da aziende che hanno dei valori nei quali essi stessi si riconoscono. Molti di loro ricercano lavoro nelle così dette aziende Purpose-driven.

·     Le generazioni del futuro credono che il purpose del business dovrebbe essere quello di migliorare la società oltre a generare profitto.

Le dimensioni del lavoro stanno cambiando sempre più velocemente e in alcuni casi vi è un vero e proprio stravolgimento delle relazioni tra gli individui e le organizzazioni, che sta generando nuove sfide e nuove opportunità.

No alt text provided for this image

Gli individui sin dalla costruzione delle civiltà hanno sempre lavorato per la creazione e il sostentamento della società, ma questo non era l’unico motivo che ci spinge al lavoro.

Per costruire la propria identità individuale e consequenzialmente quella comunitaria, il lavoro è infatti il tassello fondamentale che dona significato alla nostra esistenza, il motivo intrinseco.

Se è vero che il lavoro è una motivazione intrinseca e connaturata allora perché non cercare di trovare un mestiere che si adatti a soddisfare non solo le nostre necessità economiche e di conferma sociale ma a far combaciare anche le nostre competenze e i nostri talenti con la nostra unicità?

Lo psicologo e umanista Maslow diceva:

“Un musicista deve fare musica, un artista deve dipingere, un poeta deve scrivere, se vuole essere in pace con sé stesso. Ciò che un uomo può essere, deve essere. Deve essere fedele alla propria natura. Questa necessità si può chiamare l’auto-realizzazione”.

Quello di utilizzare le caratteristiche della propria personalità durante la ricerca del lavoro, provando ad allineare le job description, le offerte di lavoro e le aziende ai propri valori, adottando anche una mentalità più responsabile e uno spirito imprenditoriale.

Identificare e coltivare il proprio vantaggio competitivo significa concentrarsi sull’insieme delle passioni che più ci è proprio e coltivare quelle competenze che si sposano con le nostre passioni e le esigenze del mercato.

Trovare significato nel lavoro che andiamo cercando altro non è che allineare la nostra ricerca al proprio vantaggio competitivo.

Leave a Reply